#RaccontiamolaResistenza con un viaggio a ritroso nella storia italiana del dopoguerra. Dall’archivio teatrale “Mario Faticoni-Teatro dell’Arco”, l’ArcoStudio propone alcune parti dello spettacolo “Blood Boom Break, perversa vitalità nel dopoguerra italiano”, produzione Il crogiuolo, di e con Mario FaticoniAntonello Carta alla fisarmonica, impianto scenico Marco Nateri.
Testi tratti da Franco Berardi Bifo, Franco Fortini, Luigi Meneghello, Carlo Emilio Gadda, Luigi Pintor, Carlo Levi, Luciano Bianciardi, Piergiorgio Bellocchio, Alberto Arbasino.
Spettacolo inserito nel progetto triennale “La mutazione” (2006-2008 Teatro Sant’Eulalia, Cagliari), ispirato da due saggi di Goffredo Fofi e Alfonso Berardinelli, cui hanno partecipato fra gli altri lo stesso Fofi, Giuseppe Liotta, Carla Chiarelli, Andrea Cortellessa, Mario Perrotta, Maria Paiato, Alessandro Portelli, Giuseppe Marci, Gianni Olla, Iaia Forte, Fabrizio Gifuni, Valerio Binasco.

Blood Boom Break

#RaccontiamolaResistenza con un viaggio a ritroso nella storia italiana del dopoguerra. Dall'archivio teatrale "Mario Faticoni-Teatro dell'Arco", l'ArcoStudio propone alcune parti dello spettacolo “Blood Boom Break, perversa vitalità nel dopoguerra italiano”, produzione Il crogiuolo, di e con Mario Faticoni, Antonello Carta alla fisarmonica, impianto scenico Marco Nateri. Testi tratti da Franco Berardi Bifo, Franco Fortini, Luigi Meneghello, Carlo Emilio Gadda, Luigi Pintor, Carlo Levi, Luciano Bianciardi, Piergiorgio Bellocchio, Alberto Arbasino. Spettacolo inserito nel progetto triennale “La mutazione” (2006-2008 Teatro Sant’Eulalia, Cagliari), ispirato da due saggi di Goffredo Fofi e Alfonso Berardinelli, cui hanno partecipato fra gli altri lo stesso Fofi, Giuseppe Liotta, Carla Chiarelli, Andrea Cortellessa, Mario Perrotta, Maria Paiato, Alessandro Portelli, Giuseppe Marci, Gianni Olla, Iaia Forte, Fabrizio Gifuni, Valerio Binasco.#25aprile2020 #laculturanonsiferma #salviamolacultura

Pubblicato da ArcoStudio su Lunedì 20 aprile 2020

#25aprile2020 #noirestiamoliberi