Faticoni. Assaggio di solitudine. Giornalismo. Scambio italo-inglese

L’affacciarsi degli anni Ottanta coincide per Faticoni con l’inizio di un processo di crisi nei rapporti con il gruppo. Indossa di nuovo le vesti di giornalista, entra nella redazione de La voce sarda, ne conduce il telegiornale e riceve l’incarico di dirigere la rivista Spettacolo, supplemento del periodico Altair, editore Zonza, su indicazione dell’amico Olita, direttore. Pure in solitudine la promozione della rassegna internazionale, Scenainsieme, scambio italo inglese delle arti della scena tra conservatorio e Università di Leicester, danza, musica e teatro, sostegno della Provincia,  collaborazione della danzatrice argentina  Alicia Bonfiglioli e del collega Franco Oppo

Faticoni. Assaggio di solitudine

Bim Bom Apprendisti teatranti. Primo esercizio per la messa in scena di Risveglio di primavera 

Faticoni crea un gruppo giovanile, Bim Bom – Apprendisti teatranti, con cui riprende l’opera di Wedekind presentata a mo’ di oratorio due anni prima a scuola. Primo esercizio per la messa in scena di Risveglio di primavera esordisce per due sere col tutto esaurito al Chiostro di San Domenico di- Cagliari. Tra gli spettatori, il direttore del Conservatorio Bonavolontà e il critico Vittorino Fiori. Alcuni giovani interpreti, Piero Lillus, Enrico Pau, Rossana Meloni e i danzatori Maurizio Saiu e Adriana Lao si affermeranno successivamente, ciascuno nella propria professione.

  

PRIMO ESERCIZIO PER LA MESSA IN SCENA DI RISVEGLIO DI PRIMAVERA , 1980

Cagliari, DATA, Chiostro Sa n Domenico, regia Mario Faticoni, VEDI CAST 

1980_Faticoni_Primo esercizio per la messa in scena di “Risveglio di primavera”_Frank Wedekind 

***

Immagine 1 di 17

Gruppo aspiranti teatranti_Angelo De Falco, Enrico Pau,Mario Faticoni_ph. Daniela Zedda


1980_Faticoni_Scenainsieme_scambio italo-inglese delle arti della scena tra Conservatorio e Università di Leicester

***

Immagine 1 di 10

Cagliari_Attori, danzatori, musicisti dell'Università di Leicester_ph. Daniela Zedda


Cts. Ritorna Woyzeck di Georg Buchner 

Diretto da Marco Parodi, da un anno guida artistica, Woyzeck ha come protagonista, Cesare Saliu, giunto a questa meta agognata da tutti gli attori dopo un lungo viaggio attraverso i vari Giolzi, Bertoldo, Schwejk e i personaggi sardi, cui aveva conferito maschera e vena d’attore istrionico non comuni. Debutto all’Astra di Olbia 2 dicembre. Repliche a Cagliari, Auditorium  conservatorio. L’ultima volta che gli attori recitano tutti insieme. Gli spettacoli successivi avverranno a compagnia divisa, alcuni impegnati in un allestimento, altri in uno diverso, oppure vedranno protagonisti attori famosi, e gli attori della Cts quasi sempre in parti secondarie.

Nota

Brevi scene che hanno un significato e una pregnanza drammatica intensissimi. Ogni parola, ogni gesto si carica di una propria tensione, una sorta di “centro esplosivo” che produce atomi drammatici di estrema violenza. Büchner  si è posto di fronte al “reale” come a volerne spiegare il mistero al mondo, rappresentandolo con tale potenza e visionaria penetrazione da farne un’opera d’arte che ancora oggi procura a noi alto godimento estetico e profondo turbamento morale. (M. Parodi).

Cts. L’Unione Sarda paga il debito

Le recite di Cagliari, con una recensione molto favorevole di Vittorino Fiori de L’Unione Sarda, si rivelano un inaspettato saldo del debito assunto dal giornale con la stroncatura undici anni prima  a Omobono e gli incendiari. Allora   Crivelli: “ …il discorso su quello che potranno essere gli sviluppi futuri di quest’iniziativa è un discorso tutto da fare; un discorso, anzi, che ieri sera non è nemmeno incominciato”..Oggi Fiori: “..professionalità che è opportuno sottolineare in una compagine che molti anni fa – ai suoi primi passi – sembrava non potesse superare, nell’isolamento in cui si muoveva, il dilettantismo d’una sia pur volenterosa filodrammatica. Il tempo ha dato ragione ai suoi promotori, l’esperienza è diventata professionalità… questo Woyzeck non si muove nell’angustia di un velleitarismo provinciale, ma sta al passo con quanto si vede oltre Tirreno..”.